ImmigrazioneOggi News ed Eventi
< Home News ed Eventi Punti di vista Associazioni in rete Consulenze Salute e Benessere Newsletter Redazione Onlus
 
News ed Eventi


18 giugno 2013
Salute: medici stranieri in Italia, medici ebrei e Comunità del mondo arabo uniti per chiedere che la circoncisione sia accettata come pratica medica.
Creare ambulatori specializzati che offrano il servizio con il pagamento di ticket “ragionevoli” per contrastare il mercato nero.

Una riunione ad hoc si è svolta tra il presidente dell’Associazione dei medici stranieri in Italia (Amsi) e della Co-mai (Comunità musulmane in Italia), il palestinese Foad Aodi, e il presidente dell’Associazione dei medici ebrei romani, Dario Perugia. Si è trattato, afferma proprio Foad Aodi, “dell’inizio di una cooperazione a lungo termine, dando il via ad un accordo di collaborazione tra medici dell’Amsi provenienti da tutti i continenti anche di origine araba e medici ebrei in Italia sui temi della sanità, a partire dalla circoncisione, pratica religiosa che unisce Islam ed ebraismo e che per le comunità musulmane in Italia rappresenta una vera emergenza”. “A differenza dei neonati ebrei, che vengono circoncisi da medici – ricorda il presidente dell’Amsi – un terzo dei bambini musulmani viene operato in strutture clandestine, con rischi di complicanze e infezioni. Si tratta di grossi numeri, in quanto in Italia vivono circa 1 milione e 300 mila musulmani, nella quasi totalità credenti. L’Amsi si batte da tempo perché la circoncisione avvenga in strutture apposite all’interno del servizio sanitario nazionale”.
“Innanzitutto per tutelare la salute dei bambini – afferma il presidente dell’Amsi e Co-mai. – In secondo luogo per eliminare il ‘mercato nero’ che fiorisce in Italia sulla circoncisione, con medici che arrivano a farsi pagare anche mille euro per un singolo intervento, costringendo molte famiglie a grossi sacrifici o persino a tornare nei Paesi di origine. La proposta dell’Associazione medici stranieri, condivisa anche dalla Comunità del mondo arabo in Italia, dall’associazione Uniti per Unire e ora è giunto anche il contributo importante dei medici ebrei, è quella di creare ambulatori specializzati che offrano il servizio con il pagamento di ticket ‘ragionevoli’ (un massimo di 100 euro). Ciò avviene già in alcune regioni, come l’Emilia Romagna e il Veneto. Si tratta però di uniformare le norme su scala nazionale e poter registrare la pratica ufficialmente come circoncisione e non utilizzare altri nominativi o patologie come la fimosi”.
(Red.)



 
Formazione finanziata
FormazioneWebTV - Formazione a distanza con la webtv interattiva

Corsi e seminari per impiegati dello studio notarile e dello studio commercialista Impiegati di Studi notarili e commercialisti

Catalogo 2013 > Corsi e seminari per impiegati dello studio notarile e dello studio commercialista: 80% del costo sostenuto finanziato da Fondoprofessioni. L’iscrizione al Fondo è semplice e gratuita.
Password personale al titolare dello Studio per seguire autonomamente il corso in qualità di uditore, senza costi aggiunti.

  © 2006-2013, Studio Immigrazione